A Borgate dal vivo CARLOT-TA in concerto

Nella splendida cornice del Filatoio di Caraglio, Carlot-ta fa tappa con il suo Murmure Tour 2018 a Borgate dal Vivo, martedì 14 agosto alle ore 18.

Il tour prende il nome dal nuovo disco della cantautrice “Murmure”, interamente composto all’organo a canne, tra contaminazioni elettroniche e sonorità arcaiche.

 

“Sono molto affascinata dal territorio alpino, – dice Carlotta – che amo frequentare e a cui ho dedicato anche un disco di canzoni dal titolo Songs of Mountain Stream. Un disco in cui tutte le parti percussive sono originate da campioni raccolti proprio sulle Alpi Occidentali, tra i boschi e le borgate. Murmure, il mio ultimo album, che presenterò durante Borgate dal Vivo, è invece un disco per organo a canne, voce, percussioni ed elettronica. L’organo a canne è uno strumento musicale, ma è anche un luogo. Non si può infatti svincolare dall’architettura in cui è inserito e in cui risuona. Non si può portare con sé, ma deve essere raggiunto. Mi piace allora l’idea di un festival che raggiunge i luoghi, anche quelli più piccoli, antichi, nascosti e segreti.”

 

Murmure è il suono che l’aria produce quando entra nei polmoni. In questo disco è il respiro delle canne d’organo, strumento che Carlot-ta ha scelto per comporre i brani del suo terzo album, abbandonando per la prima volta il pianoforte. In Murmure i suoi registri, a volte imponenti, altre intimi e malinconici, si alternano tra composizioni solenni e impetuose, ballate romantiche, valse musette, danze macabre, motivetti synthpop.

Carlotta Sillano, in arte Carlot-ta, ventisette anni e 300 concerti all’attivo, firma con “Murmure” il suo terzo disco, preceduto da Songs of Mountain Stream (2014, anno in cui vince il premio Siae alla Creatività) e Make me a Picture of the Sun (2011, secondo posto al Tenco, Premio Ciampi per la Migliore Opera Prima, Premio MEI Supersound per il miglior disco dell’anno).

 

Borgate dal Vivo è stato definito il festival più grande d’Europa dedicato ai territori più piccoli: i borghi e le borgate alpine. Per la III edizione Borgate dal Vivo è diventato Performing Alps: oltre alla letteratura, comprende anche altre forme artistiche, dal teatro, alla musica, al cinema, alla danza. L’ obbiettivo del Festival è di contribuire alla rinascita dei borghi e delle borgate alpine e alla lotta contro il loro spopolamento. Gli eventi, tutti in forte relazione con i luoghi che li ospitano, sono rivolti sia agli abitanti di queste aree periferiche, che vengono sempre più rivalutate da un punto di vista ambientale e architettonico, sia al grande pubblico che può riscoprire piccoli luoghi di grande bellezza.